giovani tromboni
In the age of Umbilicus
In (lenta) lettura:

Daniele Luttazzi
Capolavori

Neera Fallaci
Vita del prete Lorenzo Milani

Commentati:

Tim McLoughlin
Via da Brooklyn

Kurt Vonnegut
Mattatoio n. 5

Hal Foster
Design & Crime

Jonathan Lethem
Amnesia Moon

Ernesto Aloia
Chi si ricorda di Peter Szoke?

David Means
Episodi incendiari assortiti

Charles Bukowski
Spegni la luce e aspetta

Altan
Banane

Friedrich Dürrenmatt
Nel cuore del pianeta

Arkadi e Boris Strugatzki
Picnic sul ciglio della strada

Jeanette Winterson
Powerbook

Charles Bukowski
Seduto sul bordo del letto mi finisco una birra nel buio

Daniele Brolli
Chemical USA - Il viaggiatore assente

David Foster Wallace
Verso Occidente l'Impero dirige il suo corso

Amèlie Nothomb
Metafisica dei tubi

A.M. Homes
La sicurezza degli oggetti

Bernard Aldebert
Gusen II

4/6/2002
J.T.Leroy a Letterature

Riverberi:

giovanitromboni@fozzdances.com

Soffitta:

settembre '03
agosto '03
luglio '03
giugno '03
maggio '03
aprile '03
marzo '03
febbraio '03
gennaio '03
dicembre '02
novembre '02
settembre '02


Installa BlogBar!
Un solo click, tanti blog.
Listed on BlogShares

giovani tromboni

è un ossimoro apparente che ho trovato in un vecchio scritto di Italo Calvino, rimanendone conquistato. Io un po' mi ci riconosco (mi dà il destro per sentenziare), ciascuno poi ci si specchi quanto crede. Grazie a Google, ho poi scoperto che la definizione appariva già in una lettera di Mario Luzi a Giorgio Caproni. Correva l'anno 1959.

27.2.03

Ma non bastava una telefonata?
Leggo su Repubblica.it "il testo integrale del telegramma che Antonio Baldassarre e Ettore Adalberto Albertoni hanno inviato ai presidenti delle Camere Marcello Pera e Pier Ferdinando Casini". Non mi soffermo sulla qualità della prosa, l'hanno già fatto altri tirando opportunamente in ballo Totò e Peppino. Penso invece alla quantità: sono duecentotredici parole, che via telegramma fanno 31,75 euro. Moltiplicare per due, tante sono le Camere e i rispettivi presidenti. Ecco dove è finito il mio canone.

Sentenziato da Vic | 00:47
25.2.03

Macaroni, m'hai provocato?
Gianluca Neri, esattamente come un amico milanese che redarguii in privato, usa malissimo le esclamazioni romane.
Primo esempio: "Me cojoni" non significa "i miei coglioni", come evidentemente intende scrivendo "mei cojoni", bensì "ma mi coglioni?", cioè "ma che, mi prendi in giro?". Il senso non letterale è comunque quello di dire con un velo di stupore: mica bazzecole.

In un post precedente invece ha usato "sticazzi" nella stessa accezione di cui sopra. Eh no, "sticazzi" (o per i virtuosi del genere "e 'sti grancazzi") sta per "e un chissenefrega non ce lo mettiamo?" di fronte ad elucubrazioni inutili come la presente, o in versione più machista per "me ne frego!".

Amici milanesi, lo so che ci invidiate per molti giustificati motivi, ma non tentate di imitarci. A Roma nessuno va in giro chiamando "ghisa" i pizzardoni, o intona con occhio umido lodi alla "madunina" rimirando in controluce il cuppolone al tramonto.

P.S. l'immagine sopra riportata mi ha fatto ricordare certi piccoli riquadri pubblicitari del callifugo Ciccarelli, quelli che dicevano "Poveretto, come soffre!". Quand'ero bambino e non ancora romano, comparivano sulle pagine della Stampa, accanto ad altri che pubblicizzavano i concerti di Gipo Farassino, non ancora leghista.

Sentenziato da Vic | 18:21
20.2.03

Citato
Non dall'avvocato gessato della proprietà (alla fine come prevedibile ha vinto lui), ma da Lessico e Nuvole, la rubrica di Stefano Bartezzaghi su Repubblica.it. Non è la prima volta che succede, anche se sono mortificato dal fatto che gli avevo inviato da mesi l'immane sforzo anagrammatico sul nome del nostro premier, opera di cui vado immodestamente orgogliosissimo, e lui niente, manco un commentino di cortesia: e invece ecco qua che dà alle stampe tre frasette bizzarre colte al volo, dove il mio unico impegno è stato di prestare orecchio e memorizzare.

Le aspettative son brutte bestie, l'ho sempre detto.

Sentenziato da Vic | 11:37

Gnam gnam
Leggo e trasecolo: Microsoft ha comprato da Connectix tutta la linea di prodotti VirtualPC. Questo genera una flebile speranza e molte preoccupazioni.

Andiamo con ordine: Connectix è un marchio che non ha mai sbagliato un colpo, sono piccoli ed estremamente innovativi, e i loro prodotti hanno sempre funzionato bene. La nemesi di Microsoft. Procedendo a ritroso con la memoria, sono quelli che hanno inventato la QuickCam (quella a palletta che sembrava un bulbo oculare) e l'hanno poi venduta a Logitech, hanno creato SpeedDoubler e soprattutto RamDoubler, di cui nessuno ai tempi riusciva a fare senza; l'estensione Mode32 per attivare l'indirizzamento a 32 bit sui Mac come l'SE/30, che funzionava meglio di quella fatta da Apple, per sua stessa ammissione; l'emulatore software di PlayStation, che causò una lunga diatriba legale con Sony; e VirtualPC, che ha spazzato via la concorrenza di SoftWindows, e si è incarnato pure in versioni per PC che permettono di far girare varie macchine virtuali con sistemi operativi diversi, tutte sullo stesso computer.

Molti hanno sognato che l'acquirente fosse Apple, per integrare a livello di sistema un'emulazione Windows. Il vantaggio potenziale sarebbe stato in termini di velocità del software emulato, il vero punto debole di VirtualPC.
Essendo Microsoft l'acquirente, non si capisce bene dove siano i vantaggi per il futuro: la compatibilità all'interno dell'ambiente emulato è già altissima, margini significativi di miglioramento non ce ne sono.

Le dichiarazioni di Microsoft sono le solite: viene ribadito il nostro grande impegno verso il Mac, e blah blah blah. Vanno prese come le affermazioni di Powell: cum grano salis, quasi sempre c'è dietro qualcos'altro che non ci piace, ed è chiaro.

Sul qualcos'altro è fiorita una ridda di ipotesi, ben riassunte nei commenti dei lettori all'articolo di MacCentral che ha dato la notizia.

Sentenziato da Vic | 01:51
16.2.03

Ambrogio, la Rolls rossa
Attraversando quotidianamente il centro storico di Roma (quello coi sampietrini messi come certe scogliere irlandesi), mi capita spesso di incrociare macchinoni neri o blu con la scritta "N.C.C." applicata sul lunotto posteriore. La sigla mi evocava soltanto certe formazioni violente dei lustri passati, ma applicandomi tra una buca e l'altra ho realizzato trattarsi di "Noleggio con conducente".
Vuoi per un cortocircuito sinaptico, vuoi per l'imborghesimento di molti ex-qualcosa, ora finisce sempre che ci leggo "Nuclei Comunisti con Conducente".

Sentenziato da Vic | 16:17
11.2.03

Bartezzigzagando
Ogni riga dei seguenti mottetti è anagramma dello stesso nome. Lascio ai più arguti il capire quale. Ho sempre pensato che quell'uomo è una miniera, tanto che ce lo manderei a lavorare. Ok, ve lo rivelo: seguono le avventure di Versilio Sculboni.

- Elezioni
"Urne: Bossi ci volli!"
Il Creso, blu in viso,
sbilenco su livori
li svio' in burlesco
col Bossi, un virile
bel suino. Scrivilo:
ben ci risso' l'Ulivo.

- Sfiga
S.B.: sei nuovi crolli
in borse, o sul civil.

- Nonsolomafia
Visione: collusi BR
nei clubs livorosi?

- Desueto
Colse su novi libri
verbi lisi con l'uso.

- La terza I
Svelo i bruscolini:
escluso il vibrion,
sono virus bellici,
no, virus bellicosi
"C:\" belli, rossi, nuovi
(USB risolve i cloni).

- Moratti
Scuole virili snob,
neri colli, vi busso'.

- Riciclando con Putin
Lesso' rubli nocivi,
inver sul Bolscioi.

- Riciclando con Bush
I cover U.S. billions:
vicious biller son
invoices our bills.

- Imperativo etilico
Sbornie: vi si cullo'.
Vissi cio': Brunello
sorbi' in usci, volle
vin rosso, cieli blu.
Svino' e usci' brillo.
Si', in sull'orci bevo:
scovi 'l buon elisir!

- L'anno dopo a Baghdad (xxx)
Silvio Berlusconi
inculo' visir bleso
si cullo', vibro' seni
(ver silicon), il buso.
V'urlo' "si', lesbiconi!"
insulso bercio vil.

Sentenziato da Vic | 19:21

La cura degli anziani
Mi capita spesso che qualche amico abbia bisogno di aggiornare il sistema operativo su un Mac stagionato, e chieda consiglio: regolarmente parte la caccia per capire quali sono le versioni di MacOS supportate dal vecchietto.

Di solito mi facevo un giro su AppleSpec:
http://www.info.apple.com/support/applespec.html
ma soprattutto, per i vecchi modelli:
http://www.info.apple.com/support/applespec.legacy/index.html

Ora ho scoperto che fin dal 2000 esisteva la pagina "Mac OS 8 and 9: Compatibility With Macintosh Computers", con una tabella riassuntiva decisamente comoda:
http://docs.info.apple.com/article.html?artnum=25114

Sentenziato da Vic | 13:16
7.2.03

Abituiamoci all'idea
Da Repubblica.it:
Mike Bongiorno diventa cittadino italiano

Oggi pomeriggio Mike Bongiorno ha giurato fedeltà alla repubblica italiana, passo finale per ottenere la cittadinanza italiana. Il giuramento sulla costituzione italiana, è avvenuto negli uffici del comune di Milano presso l'arena civica. Il decano dei presentatori italiani, nato a New York nel 1924, ha sempre mantenuto la cittadinanza Usa nonostante viva in Italia da oltre mezzo secolo. Ora, con il giuramento, è cittadino italiano.


Guarda se non ce lo ritroviamo senatore a vita, al posto dell'Avvocato. E per il prossimo senatore dalla salute malferma c'è gia Varenne che scalpita, la storia ci insegna.

Sentenziato da Vic | 19:32

Cattivoni
A quanto pare Microsoft cerca in tutti i modi di far fare brutta figura ai browser concorrenti di Internet Explorer, ad esempio il norvegese Opera. La notizia è da fonte interessata, ma se vera - e appare certo ben documentata - una ben misera figura ce la fanno i piccoli napoleoni di Redmond.

Chi svela il trucchetto è il Chief Technology Officer di Opera Software, e, per dirne una, è l'inventore dei CSS (Cascading Style Sheets). Per chi non lo sa: roba di standard web, ma molto importante. Che il genietto si diverta nel tempo libero a far volare aquiloni e a costruire vasche da bagno in legno non ce ne frega onestamente un granché. Però mi piace come sembra risolvere una vecchia contraddizione (anti-globalizzazione, internazionalismo, ecc.) dicendo: "I'm opposed to non-digital globalization and support ATTAC. My political manifesto is: Global information! Local production!". E' un buono spunto, peccato che non lo approfondisca e ci rimandi piuttosto alla solita noiosa lista dei bbuono/nobbuono personali.

Inquietante osservazione a margine: non so perché i nordici, anche buoni, antimicrosoft e di sinistra, me li immagino sempre in divisa da ufficiale nazista. Anzi lo so, pura suggestione iconografica; però che cavolo.

Sentenziato da Vic | 18:41

Semplificazioni
Ci risiamo con la democrazia demoscopica, dove conta più la formulazione delle domande che le risposte stesse: stavolta è Famiglia Cristiana a riportare un 94,7% su 112.000 lettori volontari (che diventa un 93% di mille lettori, secondo l'approccio più "scientifico" dell'Abacus), nella simpatica tenzone tra il Papa e Bush, dove guarda caso a prevalere è il primo.

Io sarei contro la guerra (ci sarebbe da dire anche come quanto e dove) ma non molto col Papa, devo cercare altrove i miei spazi. Mi consola che per una volta il Berlusca non si muova su posizioni puntellate dai sondaggi, come suo solito. Mica perché speri in una sua crescita da demagogo a politico, quanto perché mi auguro abbia più pudore in futuro a pronunciare astrattezze come "gli italiani, "il popolo", "la gente".

A chi suonasse familiare lo schema delle semplificazioni, può tornare utile il seguente specchietto.
- Famiglia Cristiana: Col Papa o con Bush?
- Famiglia Buddista: Col Dalai Lama o con Saddam?
- Famiglia Italiana: Vuoi più bene alla mamma o al papà?

Sentenziato da Vic | 17:57
5.2.03

Il giorno della marmotta
Oggi mi è esplosa nuovamente la Brikka. L'inverno durerà ancora a lungo.

Ormai è riportata dalla letteratura medica questa nuova patologia, lo stress da Brikka. Si osserva come il soggetto reiteri con mani tremanti quello che ormai è un rituale, da compiere con chirurgica precisione: l'acqua giusta, la miscela esatta, quanta metterne e come distribuirla, la verifica di pervietà dello stantuffo, il serraggio appropriato degli elementi. Da quando il feticcio è sul fuoco, il soggetto è incapace di compiere pienamente altre attività, e continua ad aggirarsi vago in prossimità dei fornelli, con l'orecchio teso allo spasimo a cogliere ogni minimo borbottio o sbuffo della moka innescata. Passato il primo minuto, aumenta in modo esponenziale il rischio di deflagrazione: così il nostro con piccoli tocchi timorosi cerca di sincerarsi del buon decorso dell'operazione. Abbassa la fiamma. No, la rialza. Scruta lo stantuffo. Centra meglio la macchinetta sul fornello. Prega.

Quasi sempre, in prossimità del climax, l'esorcismo della tazzulella va a buon fine. Ma non è il caffé a rendere nervosi.

Sentenziato da Vic | 16:48
4.2.03

Visti da fuori
Un mio amico e - per ancora una settimana - collega, interpellato in corso di chiacchiera sui blog mi ha freddato con la seguente definizione: la rivincita dei verbosi.
Io che mi entusiasmavo su quanto la telematica fin dagli inizi viva di scrittura, di come i chat educhino alla sintesi (ormai purtroppo alla stenografia, ma sono ragazzi), dell'email che fa rinascere il genere epistolare, devo ammettere che l'appellativo di tessitori è miseramente autoconsolatorio: invece sì, siamo proprio i verbosi.

Risolleva pensare che le categorie si possono applicare a bizzeffe su ciascuno di noi, nelle più varie combinazioni, e quindi c'è sempre modo di trovare affinità trasversali. Il tipo, ad esempio, condivide con me alcune passioni letterarie, nonché un analogo talento di defocalizzatore nelle conversazioni importanti.

Altrove, ho stigmatizzato chi si appassiona con superfluo rigore ai terribili mattoni tolkieniani, e poi non coglie le finezze appena dissimulate di South Park. Subito scatta l'applauso liberatorio di un altro amico, a sua volta accomunato da imperitura fede fantozziana, che non a caso coglie analogie col noto episodo della corazzata Potemkin. Appena dopo, si scopre che il medesimo va matto per un programma come JackAss, che io trovo semplicemente insopportabile.

Sentenziato da Vic | 00:55
3.2.03

Provilo!
A differenza dei molto riveribili bloggatori che si abbeverano direttamente alle fonti della stampa internazionale, quel poco che so sui fatti della politica americana (ad esempio: cos'è la kwanzaa) lo apprendo dalla lettura di Doonesbury e Boondocks. Ho capito, sono in inglese, ma uno si aiuta con le figure. In caso di insormontabili difficoltà con la lingua, basta aspettare il mese dopo e comprarsi Linus.

Chi ha veramente insormontabili difficoltà con la lingua sono i markettari americani, che continuano ad affidarsi ai traduttori automatici, anche per generare una gif animata. Mentre leggevo Boondocks, cercando a stento di digerire le ascendenze manga del disegnatore, mi sono accorto che in testa alla pagina troneggiava questo:

Familiarizzarti con Sarah

Ho abbandonato lo studio della grammatica italiana alle elementari, così mi chiedo: che tempo è "Familiarizzarti con Sarah"? Un imperativo? Un infinito esortativo? E poi in che senso: vogliono che metta su famiglia con quella, mandandole una mail? Comunque lo sconcerto supera la curiosità, e su quel banner non ci ho cliccato. Con buona pace dei markettari imbranati.

Il sito Ucomics pubblica anche l'immortale Calvin e Hobbes, gli altri due siti di riferimento sono quelli di King Features e United Features. Si possono esplorare per conto proprio, ma sono disponibile a dare qualche meditato consiglio.

Sentenziato da Vic | 11:05
Obragrafica:

Il piccolo popolo che si manifesta sui bordi dei fogli durante telefonate, riunioni, attendereprego, e altre occasioni.

Interreferenze:
 [No news, good news]
 [YAFB]
 [Tutto questo non ha
assolutamente senso!]
mac[... parole per dirlo]
 [Brodo Primordiale]
mac[Wittgenstein]
mac[Camillo]
 [Giallo diVino]
mac[Il posto di Antonio]
mac[Paolo's weblog]
 [Blog Notes]
mac[paferrobyday]
 [Blogocauda]
 [attentialcane]
 [quarky]
mac[ander costruksciòn]
mac[minimamoralia]
 [Squonk]
 [GNUeconomy]
mac[TOM]
 [il Griso]
mac[acido folico]
 [FBU.IT]
mac[Candido]
 [Verba manent (Zu)]
 [URL: Urban Rat Legend]
mac[The Yorker]
 [pfaall]
  
 [lo scopriremo solo vivendo ]
mac[labranca.co.uk]
 [personalità confusa ]
 [Pensatoio]
 [Massaia]
 [EmmeBi BLOG]
mac[The Petunias' weblog]
mac[4 banalitaten]