giovani tromboni
In the age of Umbilicus
In (lenta) lettura:

Daniele Luttazzi
Capolavori

Neera Fallaci
Vita del prete Lorenzo Milani

Commentati:

Tim McLoughlin
Via da Brooklyn

Kurt Vonnegut
Mattatoio n. 5

Hal Foster
Design & Crime

Jonathan Lethem
Amnesia Moon

Ernesto Aloia
Chi si ricorda di Peter Szoke?

David Means
Episodi incendiari assortiti

Charles Bukowski
Spegni la luce e aspetta

Altan
Banane

Friedrich Dürrenmatt
Nel cuore del pianeta

Arkadi e Boris Strugatzki
Picnic sul ciglio della strada

Jeanette Winterson
Powerbook

Charles Bukowski
Seduto sul bordo del letto mi finisco una birra nel buio

Daniele Brolli
Chemical USA - Il viaggiatore assente

David Foster Wallace
Verso Occidente l'Impero dirige il suo corso

Amèlie Nothomb
Metafisica dei tubi

A.M. Homes
La sicurezza degli oggetti

Bernard Aldebert
Gusen II

4/6/2002
J.T.Leroy a Letterature

Riverberi:

giovanitromboni@fozzdances.com

Soffitta:

settembre '03
agosto '03
luglio '03
giugno '03
maggio '03
aprile '03
marzo '03
febbraio '03
gennaio '03
dicembre '02
novembre '02
settembre '02


Installa BlogBar!
Un solo click, tanti blog.
Listed on BlogShares

giovani tromboni

è un ossimoro apparente che ho trovato in un vecchio scritto di Italo Calvino, rimanendone conquistato. Io un po' mi ci riconosco (mi dà il destro per sentenziare), ciascuno poi ci si specchi quanto crede. Grazie a Google, ho poi scoperto che la definizione appariva già in una lettera di Mario Luzi a Giorgio Caproni. Correva l'anno 1959.

30.9.03

Tu quoque
Sostiene Ivo (che spero apprezzi l'incipit tabuccolusitano):

L'ho sentito piuttosto leggere un discorso comprensibile, saggio ed in più parti pienamente condivisibile. E non faccio ironie, ahimé. Ieri il suo discorso è stato perfetto, eccezionale. Non è facile parlare di pensioni in maniera così chiara al pubblico televisivo.
Si riferisce al discorso uno e trino, televisivamente parlando, del nostro odierno Cerruti (su cui io ho fatto, viceversa, dell'ironia qua sotto).
Ora, che fosse chiaro non c'è dubbio: solo che a mio giudizio si trattava di quella chiarezza apparente, tutta percezione, tipica delle comunicazioni possedute dallo spirito del marketing. Ci ho sentito paternalismo ("Amici, amiche", ma di chi?), artifici retorici (il passaggio, dito puntato, al "tu, pensionato, dico proprio a te"), la consueta tendenza alla semplificazione tarata sull'età mentale di anni dodici, da lui notoriamente attribuita al pubblico (al popolo, alla ggente). Io temo che, di questo passo, tra un po' i messaggi saranno del tenore "Pappa cacca nanna", quelli sì di chiarezza esemplare. Tu votare noi, tanta pappa. Tu no votare noi, no pappa, cacca.

Sentenziato da Vic | 15:09

Spaghetti spam
Il filtro antispam di Eudora me l'ha giustamente cestinata, ma dando un'occhiata prima di cancellare ho trovato una mail, mandata all'indirizzo del blog, che pubblicizza il neonato portale turistico di Marina di Bibbona. Visto che da ormai trent'anni pedalo con regolarità da Marina di Cecina a Marina di Bibbona (e ritorno, tutto in pineta), mi sento quasi lusingato di ricevere uno spam italiano e tutto sommato mirato, in mezzo a centinaia di americani fissati col volermi allungare il pisello.

Sentenziato da Vic | 01:20
29.9.03

Body language
Appena visto: Berlusca a reti unificate, per dirci sulle pensioni quello che tutti sappiamo (bambole, non c'è una lira) e aggiungere che la riforma è "giusta" e "saggia" (testuale). Chiude con un messaggio di sfacciata propaganda elettorale. Parlava con voce lievemente rotta, e impappinandosi: mi auguro solo fossero sintomi di una giusta e saggia vergogna.

Sentenziato da Vic | 20:44

DIY
Comincio a sentire il bisogno di un'interfaccia telepatica per postare sul blog. Mi ritrovo a pensare delle cose, e ad essere convinto di averle scritte; poi arrivo a questa pagina, e la trovo ferma alla settimana prima.

Nell'attesa, per non dipendere da Blogger o altri server, mi sto scrivendo (o forse penso solo di farlo) un cazzabubbolo in AppleScript, il più semplice e autosufficiente possibile: lo stretto indispensabile, ma su misura (ed espandibile a piacere). Niente interfacciamento con database, o necessità di attivare localmente Apache, PHP o altro: i dati non sono moltissimi, quindi tutto su filesystem, usando AppleScript e l'opportuno "do shell script" basandosi sui comandi forniti di sistema con MacOS X. In automatico, montaggio dei testi su un template, e spedizione via ftp. Vediamo che cosa viene fuori.

Sentenziato da Vic | 18:04
21.9.03

Rivoglio indietro i miei soldi, deh!
Stamattina religioso ascolto della trasmissione radiofonica (o era tv a video spento?) di due blasonati bloggatori. Un pisano contro un livornese, nelle aspettative: bene, parlavano entrambi milanese, ci mancava il signor Carlo per fare la Gialappas. Ora, non che pretendessi Pieraccioni e Panariello, o diciamo Benigni e Benvenuti che sennò i due mi si offendono, ma insomma questa radio locale che tanto ci sarebbe piaciuta non è uscita fuori, se non in un paio di battutine. Lavorare a Milano guasta il lessico e l'accento, pare: pure Antonio Dini, fiorentino, mette le mani avanti sulla sua parlata poco toscana, così quando tra dieci anni finalmente ci incontreremo per caso all'aeroporto di Tokyo non ci rimarrò male.

E dire che anni fa lavorai con un viterbese che dopo l'università si era fermato a Pisa, ed era così pisano che avresti preferito non ricordo più cosa che lui all'uscio.

Sentenziato da Vic | 13:15

Che al mercato mio padre comprò
Alla radio, pezzo di Ben Harper: è, nota per nota, identico a I Shall Be Released di Dylan, salvo che evolve in un ritornello diverso, che c'entra pure poco (ti aspetteresti legittimamente che partisse con "I see my light come shining..."). Segue un pezzo di Alex Britti che è identico a una vecchia canzone di Luca Barbarossa, ma ha il titolo di una di Claudio Lolli. Che poi Luca Barbarossa aveva portato a Sanremo una canzone identica a quella su Girardengo, di De Gregori. Che poi De Gregori pure ha cantato delle cose identiche a Bob Dylan, e il cerchio si chiude. Se non che poi De Gregori si è beccato del plagiaro con tanto di sentenza e non può più cantare in pubblico "Prendi questa mano, zingara" quando il verso era un esplicito omaggio, una citazione.

Ho visto in tv un paio d'anni fa un'intervista a Dino Verde, che conoscevo come persona di spirito, risentitissimo con finta nonchalance verso Carmen Consoli per i violini suonati dal vento in L'ultimo bacio, altra citazione/omaggio, e verso Elio per il geniale medley tra Resta cu'mme e la chiesastica Resta con noi o Signor in Born To Be Abramo. Quella non è nemmeno una citazione, ma un accostamento quasi in stile bastard song. Etichettarla come plagio dimostra un'ignoranza dei meccanismi umoristici preoccupante in un umorista. A meno che il pezzo non risulti riportato come di Belisari-Civaschi-Conforti-ecc., nel qual caso ci sarebbe qualche legittima ragione di risentimento. Ma potrebbe essere un omaggio ai favolosi anni sessanta, quando Celentano & co. firmavano non solo il testo italiano di Pregherò, ma anche la musica, che era Stand By Me, senza far vedere una lira a Ben E. King.

Meno male che Al Bano gliel'ha cantate a Michael Jackson, va'.

Sentenziato da Vic | 00:28
20.9.03

L'orribile segreto
EmmeBi si chiama Michele Baroni (fonte: TeleVenerdì). Ultimora: Boroni, secondo RadioDue.
Next week: il mistero di ElleEsse.

P.S. a proposito di orribili segreti, leggo:

Per quanto riguarda la musica, ahinoi, quella ci verrà imposta dalla playlist Rai.
Ecco, io non ho mai capito chi compila le playlist e perché, con che criterio. Cioè, il criterio si capisce, la musica di cassetta che le major musicali stanno promuovendo. Ma alla Rai cosa gliene viene di programmare in continuo proprio quella musica (solitamente di merda, mi si lasci dire)? Gli viene fatto uno sconto sulle royalties? Qualcuno prende una bustarella? E' semplice masochismo nell'idea sciagurata e fallace di andare incontro ai gusti presunti del pubblico?

Sentenziato da Vic | 13:26

Il premio munnezz'
Apposto su ogni cassonetto di Francavilla al mare: "Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti solidi urbani". Seguono dettagliate raccomandazioni.
Va bene che la località è sede di un prestigioso premio web, ma non si potrebbero limitarsi a conferire quello?

Sentenziato da Vic | 13:25
12.9.03

I co.glo.glo
Ma sono il solo che quando vede gli spot "Diventa Consulente Globale(r) di Banca Mediolanum" sente puzza di fregatura lontano un miglio? Le maiuscole e la (r) del marchio registrato non sono mie, ho scoperto sul sito che si scrive così.
(giovani tromboni non ha la (r), e neanche le maiuscole, anche se per un brutto e diffuso vizio tutti ce le mettono)

Dicono:

Vieni in Banca Mediolanum, diventa libero professionista
Ma come, adesso anche il posto in banca è diventato precariato parasubordinato mascherato da partita IVA? Io ci sono passato, ma erano anni pionieristici di informatica cantinara. Il posto in banca no, non me lo devono toccare. Non c'è più religione.

Sentenziato da Vic | 01:55
11.9.03

Dubito ergo plasmon
Oggi Luca Sofri scrive una cosa che lo affranca dall'etichetta di "terzista" appioppatagli con facilità. Si è evoluto in "dubbista". Per me è un grande merito, si noti bene. Una volta a Otto e mezzo Ferrara lo rimproverò per un analogo "non so" abbaiandogli un "Eh ma insomma, tu non sai mai niente". Troppo comodo il dubbismo, o semplicemente onesto? Non so.

Senza scomodare Socrate e altre labili reminiscenze liceali, vorrei articolare le ragioni del dubbio nel caso in questione. Noi non sappiamo perché non abbiamo gli strumenti per sapere; qualsiasi nostro sapere è intermediato dalle autorità, dai mezzi di informazione, da bizzarri ibridi tra le due categorie. Decidere di prendere per buona una fonte di queste significa firmare un assegno in bianco, aprire un credito di fiducia di entità non prevedibile. Io sento di non avere un patrimonio ipotecabile in questa maniera, il dubbio costante (che tanto irrita gli argomentatori cheppallisti) è l'unico strumento di risparmio che mi rimane.

La fiducia qua è il parametro cruciale: la vera crisi è di credibilità e fiducia. Le fonti si sono giocate con avventatezza ogni credibilità, mentendo spesso e coscientemente nell'idea che il fine giustifichi i mezzi. E ora l'imene è lacerato, vatti a ricomprare una verginità, se puoi.

Sentenziato da Vic | 11:53
8.9.03

Causa ed effetto
Dice un po' stizzito Giulio Tremonti:

"Non avrei mai pensato che alla riduzione delle imposte non corrispondesse un aumento dei consumi. Io ho ridotto le imposte e sono aumentati i depositi in banca, perché la gente ha paura".
Non è che questa paura ha a che fare col ministro in carica, eh?

Sentenziato da Vic | 00:32
7.9.03

Gli si è bloccato lo sterzo
Da Repubblica.it:

C'è stata - ha aggiunto Randazzo - un'accelerazione della procura a 360 gradi, stanno velocizzando le indagini in modo a dir poco vertiginoso.

Sentenziato da Vic | 17:04
6.9.03

Tarlo
Io non riesco a togliermi dalla testa che ci sia uno che gira per i campi selezionando le carote storte, per poi marcarle "prodotto biologico" e vendermele al doppio del prezzo.

Sentenziato da Vic | 00:47
1.9.03

Le piscine vuote
Ma quanti sono i video musicali con un gruppo che suona in una piscina vuota? Oggi ne ho visto uno, ma ne ricordo a dozzine. Se commerciassi in piscine vuote, saprei come fare i soldi.

Ci sarebbero tante cose più importanti da dire, ma le cose importanti vogliono il loro tempo, e certe non sentono neanche il bisogno di essere dette. Comunque le piscine piene, quest'estate, mi hanno salvato la vita. Benvenuto, settembre.

Sentenziato da Vic | 16:19
Obragrafica:

Il piccolo popolo che si manifesta sui bordi dei fogli durante telefonate, riunioni, attendereprego, e altre occasioni.

Interreferenze:
 [No news, good news]
 [YAFB]
 [Tutto questo non ha
assolutamente senso!]
mac[... parole per dirlo]
 [Brodo Primordiale]
mac[Wittgenstein]
mac[Camillo]
 [Giallo diVino]
mac[Il posto di Antonio]
mac[Paolo's weblog]
 [Blog Notes]
mac[paferrobyday]
 [Blogocauda]
 [attentialcane]
 [quarky]
mac[ander costruksciòn]
mac[minimamoralia]
 [Squonk]
 [GNUeconomy]
mac[TOM]
 [il Griso]
mac[acido folico]
 [FBU.IT]
mac[Candido]
 [Verba manent (Zu)]
 [URL: Urban Rat Legend]
mac[The Yorker]
 [pfaall]
  
 [lo scopriremo solo vivendo ]
mac[labranca.co.uk]
 [personalità confusa ]
 [Pensatoio]
 [Massaia]
 [EmmeBi BLOG]
mac[The Petunias' weblog]
mac[4 banalitaten]